Primi piatti · Ricette vegetariane

La mia cena di ieri sera: spaghetti alle cime di rapa e contorno di puntarelle spadellate

Mercoledì sono andata al mercato e al mio solito banchetto ho comprato delle cime di rapa favolose con l’idea di prepararci una pasta. Oggi infatti, voglio finalmente proporre una ricetta di un primo piatto dato che fino ad ora ho pubblicato più ricette di pasticceria che altro ( non si vede che mi piacciono i dolci eh?!). Sto parlando degli spaghetti alle cime di rapa: in questo periodo danno il meglio di sè, sono grandissime e buonissssssime!!

La ricetta originale prevede le orecchiette, ma viene benissimo anche con gli spaghetti perchè il sugo si amalgama bene con la pasta. E’ un piatto originario della Puglia, in particolare della provincia di Bari, ma è talmente buono che ha fatto il giro dell’Italia!! Ma cosa non è buono della cucina italiana? Non riesco proprio a trovare un piatto cattivo e voi?!

Come contorno ho preparato delle puntarelle fenomenali in padella, semplicemente spadellate e cotte in un soffritto leggero di cipolla rossa e olio. Questa è una verdura che forse a molti non è conosciuta, ma una volta assaggiata non se ne fa a meno; è originaria di Roma ed è la protagonista dell’insalata di puntarelle alla romana e della pasta con puntarelle.  Di questa verdura dovrete utilizzare solo la parte centrale ed eliminare tutte le lunghe foglie esterne che sono dure ed amare; potete invece utilizzare le foglie interne più piccole che sono tenere e dolci.

INGREDIENTI PER GLI SPAGHETTI. ( PER DUE PERSONE)

200 gr di spaghetti

cime di rapa

olio qb

olio piccante o peperoncino qb

uno spicchio d’aglio

sale e pepe qb

PROCEDIMENTO.

– Pulite le cime di rapa togliendo le foglie più dure e grandi, ma non buttatele perchè vi serviranno.

-Fate rosolare uno spicchio d’aglio nell’olio e successivamente fatevi cuocere solo le cime di rapa e non le foglie grandi; prima spadellate a fuoco vivace, poi abbassate la fiamma, coprite con un coperchio e proseguite la cottura girando di tanto in tanto fino a completa cottura. Condite con sala e pepe a piacere, e con qualche goccia di olio al peperoncino.

-Intanto mettete una pentola con acqua sul fuoco e immergetevi le foglie più grandi che avete messo da parte; portate a bollore, salate l’acqua e fate cuocere; in questo modo le foglie rilasceranno tutto il loro sapore nell’acqua e quando butterete la pasta, essa prenderà a sua volta sapore.

-Una volta cotte le foglie più grandi, toglietele dall’acqua e buttate la pasta.

-Scolate la pasta un pò al dente conservando un pò di acqua di cottura e ripassatela nella padella con le cime di rapa; questa operazione deve essere fatta a fuoco vivace e per fare in modo che la pasta non si secchi troppo aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura e amalgamare bene il sugo con la pasta.

-Impiattate formando dei nidi nel centro del piatto mettendovi sopra il sugo alla cime di rapa.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...