Colazione/Merenda · Dessert semplici · Pasticceria

Sponge cake al cacao amaro e latte di mandorla

Questa torta è una torta “antica”, famosa e davvero soffice. E’ una base per dolci farciti, ma si presta bene anche per dolci da credenza ossia per la colazione o per un buon thè pomeridiano.

Si racconta che questa torta sia in onore della Regina Vittoria d’Inghilterra perchè quando era una bambina la sua istitutrice le proibiva quasi sempre di bere il thè ,considerato troppo prezioso allora per essere sprecato. Quando la Regina Vittoria salì sul trono, durante il suo “afternoon tea” , amava mangiare una torta molto simile al pan di spagna, ma arricchito con burro nell’impasto e farcito di crema al burro e marmellata di fragole o lamponi che è l’attuale Victori a sponge,  così chiamata in suo onore.  Insomma.. è una vera e propria torta “Reale”.

Il segreto per far venire soffice soffice questa torta è montare molto bene il burro con lo zucchero e successivamente con le uova. La potete arricchire come più vi piace ed ogni volta sembrerà una torta nuova, diversa.

20161026_113346

INGREDIENTI (8 fette)

150 gr di burro

120 gr di zucchero

un bicchierino (di quelli da grappa) di latte di mandorla

150 gr di burro morbido

120 gr di farina

30 gr di cacao amaro

10 gr di lievito per dolci

zucchero a velo

un pizzico di sale

20161026_113158

PROCEDIMENTO

-Lavorate a crema il burro con lo zucchero; utilizzate il gancio a foglia se usate la planetaria, altrimenti un comune frullino oppure tanto olio di gomito e un mestolo di legno se montate a mano.

-Aggiungete uno ad uno le uova e aspettate che ogni uovo sia ben amalgamato. Montate il tutto molto bene fino a che sarà giallo chiaro e ben spumoso.

-Mescolate insieme farina, lievito, cacao e il pizzico di sale e setacciate bene; aggiungete in tre volte facendo amalgamare bene.

-Aggiungete il latte di mandorla e mescolate bene.

-Mettete il composto in uno stampo a cerniera di 22 cm ricoperto con carta forno. Cuocete in forno già caldo ventilato a 180°C per 25-30 minuti. Fate la prova dello stecchino.

-Lasciate intiepidire nello stampo e poi posizionate il dolce in una tortiera, in un piatto, in una alzata ecc. Spolverizzate di zucchero a velo quando sarà completamente freddo.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

 

Pasticceria

Sablè con farina di castagne, crema frangipane al cacao e spuma di castagne

Da quando ho scoperto la crema frangipane non posso più farne a meno: è morbida, dolce, si scioglie in bocca ed è semplice da fare, molto di più di una crema pasticciera; inoltre si presta ad essere accompagnata a qualsiasi altro abbinamento perchè la base è molto neutra e poco invadente di sapore.

Ieri abbiamo avuto amici a cena e ho cominciato a pensare al menu una settimana fa; mi piace che sia sempre tutto perfetto perchè così i miei ospiti sono felici e vanno a casa soddisfatti.

Questa volta vi presento il dolce che ho ideato e di cui sono rimasta molto soddisfatta; ovviamente non sono una che si mette a fare foto super professionali, da rivista o super particolari con canovacci all’ultima moda, oggetti chic ecc; le faccio con quello che ho in casa e la maggior parte delle volte sono molto minimali. Sono convinta che la foto sia importante, ma non sia tutto…spesso inganna..bisogna porre molta attenzione alla ricetta, al procedimento, agli ingredienti. Per esempio oggi io ho preparato la caponata di zucca “seguendo” la ricetta di una rivista di cucina (e voi direte: wow allora sarà venuta perfetta), ma ammetto che se la seguivo alla lettera sarebbe venuta una schifezza!

Quindi fate attenzione alle foto che quando le vedete dite: wow favolosa; o wow si mangia con gli occhi. Valutate sempre prima quello che sta dietro alla foto! Poi tanto di cappello a chi è bravissimo a fare le foto e prepara ricette da star male per quanto buone sono 😀 !

L’ingrediente principale di questa torta son le castagne in forma di farina e di marmellata; io le adoro, ma quest’anno è andata propri male per i nostri castagni! Alla celebre festa dei marroni di Combai non c’era una castagna locale (e questo detto da chi è del posto..purtroppo). In altre zone d’Italia sembra essere andata meglio, ma per molte prelibatezza italiane è stato un pessimo anno: l’olio, il vino…

castagne2

casstagne1

castagne3

castagne4

IINGREDIENTI

Per la sablè:

125 grammi di farina per torte e biscotti Petra

100 gr di farina di castagne

150 gr di burro

100 gr di zucchero

un pizzico di sale

due-tre cucchiai di acqua (per sostituire l’uovo)

Per la crema frangipane:

125 gr di farina di mandorle

125 gr di burro

125 gr di zucchero

125 gr di uova

35 gr di farina

25 gr di cacao

Per la spuma:

200 ml di panna

150 gr di marmellata di castagne o marroni

cacao per decorare

PROCEDIMENTO

-Per la sablè impastate il burro morbido con lo zucchero (se avete la planetaria usate il gancio a foglia), aggiungete l’acqua, la farina setacciata e il pizzico di sale. Otterrete un panetto sodo che andrete a stendere nello stampo prescelto rivestito di carta da forno  e metterete in frigo per un’ora. Ricordate di bucherellare con una forchetta l’impasto.

castagne7

-Per la crema frangipane montate bene il burro con lo zucchero con il gancio a frusta; aggiungete le uova a filo (pesatele prima e mescolatele come se doveste fare una frittata; saranno più facile da aggiungere all’impasto); mescolate bene e poi sostitute il gancio a frusta con quello a foglia e unite le due farine (per la farina di mandorle prendetele intere e tritatele) e il cacao setacciato. Amalgamate bene il composto.

castagne5

-Tirate fuori dal frigo lo stampo e distribuite la crema livellandola bene.

-Cuocete in forno preriscaldato a 170°C per 40-45 minuti.

-Fate raffreddare nello stampo e poi coprite con la spuma.

castagne6

-Per la spuma montate la panna ben fredda (sarà più facile da montare) e aggiungete la marmellata di marroni/castagne. Distribuite sulla superficie della torta livellando bene. Mettete in frigo per due- tre ore e prima di servire spolverizzate con cacao.

Con questa ricetta partecipo al contest di Molino Chiavazza: i dolci a base di castagne (farina o frutti)

Logo

E al contest di C’è crisi, c’è crisi: Ricette d’Autunno

unnamedBuona cucina tutti!

Julia C.

Pasticceria

Gateau cioccopesca

Adoro portare in dono una torta fatta da me quando vengo invitata a cena a casa di amici e parenti. L’espressione di chi riceve la mia torta vale più di mille grazie perchè si sa..gli occhi sono lo specchio dell’anima!

Ogni volta preparo qualcosa di diverso e cerco di curare più che posso, oltre al gusto, anche la presentazione: anche l’occhio vuole la sua parte.  Ho preparato questa torta in occasione di una cena da mia cognata (lo ammetto..siete le mie cavie preferite… eh eh) e si tratta di una torta fredda, quasi una torta gelato semplicissima da preparare. Servono pochi ingredienti facili da reperire. E’ veloce da preparare anche se ha un tempo di riposo di tre-quattro ore.

Perdonate se le foto non sono un granchè, ma avevo solo il mio fidato smartphone!

pesca1

pesca2

pesca3

INGREDIENTI (8 porzioni)

Per la frolla:

270 gr di farina (io ho usato Petra per torte e biscotti)

150 gr di burro

120 gr di zucchero

30 gr di cacao amaro

3-4 cucchiai di acqua

mezza bustina di lievito

Per la farcia:

500 mL di panna fresca da montare

2 noci pesche gialle

succo di mezzo limone

Per decorare:

panna montata

mezza noce pesca

sac a poche

PROCEDIMENTO

Per la frolla:

-utilizzate la planetaria con lo strumento foglia.

-Prima mescolate bene la farina col lievito, lo zucchero e il cacao.

-Successivamente aggiungete il burro a pezzettini e azionata la planetaria. Con quest0ultima in funzione aggiungete i cucchiai di acqua. Se non sono sufficienti aggiungetene ancora ma mooolto per gradi (rischiate che l’impasti vi diventi troppo mollo e impossibile da lavorare).

-Continuate fino a che si forma una palla solida e omogenea.

-Stendete la frolla all’interno di uno stampo a cerniera di 28 cm ricoperto sul fondo di carta forno; dovete formare un bordo alto circa 5 cm.

-Bucherellate con una forchetta la frolla e mettete in frigo a riposare pe un’ora.

-Trascorso questo tempo cuocete in bianco (posizionate un foglio di carta forno a contatto con la frolla e sopra a quest’ultimo coprite con fagioli secchi) la frolla a 180°C per 15-20 minuti.

-Fate raffreddare dentro lo stampo.

Per la farcia:

-lavate le pesche noci e togliete la parte interna più dura; frullatele col limone nel robot da cucina e mettetele da parte.

-Montate bene la panna (tenetene un pò da parte per decorare) e delicatamente mescolando dall’alto verso il basso aggiungete la purea di pesche noci.

-Versate il composto nella frolla fredda e mettete a riposare in freezer per tre-quattro ore.

Per decorare: (da fare prima di mettere in freezer)

-tagliate a fettine sottili mezza noce pesca.

-Decorate come più vi piace con la panna e le fettine di noce pesca.

-Per la panna vi consiglio di usare un sac a poche.

Al momento di servire tirate fuori la torta due ore prima e toglietela dallo stampo.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Pasticceria

Cioccoterapia di Natale

Un dolce favoloso senza farina? Possibile!!!!

Appena mangerete una fetta di questo sontuoso rotolo al cioccolato con ganache al cioccolato al latte e pasta di nocciole del Piemonte IGP non potrete più farne a meno; inoltre vi sentirete totalmente appagati dal gusto pieno e avvolgente del cioccolato e delle nocciole. Attenzione perchè può creare dipendenza! ;-P

E’ un dolce ideale per Natale da servire con panna montata ed inoltre la base del dolce potete farcirla come più vi piace: con crema pasticciera semplice, al cioccolato, con ganache di qualsiasi tipo, con crema chantilly (quella vera di  panna e zucchero a velo).

L’esecuzione del dolce è molto semplice; il difficile sta nell’arrotolarlo e non preoccupatevi se si rompe, anzi sarà ancora più godurioso perchè si vedrà il ripieno goloso.

I vostri ospiti non potranno fare a meno di chiedervi un’altra fetta nonostante la sazietà dovuta al lauto pranzo di Natale; si sa che per il dolce c’è sempre spazio!

Preparate tutto il giorno prima e lasciate raffreddare una notte; il giorno successivo tirate fuori dal frigo il rotolo almeno 2-3 ore prima di servire: in questo raggiungerà una temperatura ideale per essere mangiato e per poter sentire tutto il suo gusto.

Scommetto che vedendo le foto lo mangerete con gli occhi… perchè diciamolo…una pietanza deve essere buona, ma  deve essere anche e soprattutto bella.

Mantine una incredibile eleganza e raffinatezza, ma allo stesso tempo ha un aspetto rustico e di…”casa”.

Quante lodi per un solo dolce, ma questo se le merita proprio!!!!

rotolo1 copia

rotolo2 copia

rotolo3

INGREDIENTI (8 PERSONE)

Per il rotolo:

5 uova

175 gr d cioccolato fondente al 70%

150 gr di zucchero

2 cucchiai di zucchero a velo

2 cucchiai di cacao amaro

Per la ganache:

200 mL di panna

2 cucchiai di pasta di nocciole

80 gr di cioccolato al latte

PROCEDIMENTO

Per il rotolo:

-Preriscaldate il forno a 180°C.

-Fondete a bagnomaria il cioccolato. Fate raffreddare un pò.

-Dividete i tuorli dagli albumi dopo aver lavato e asciugato bene le uova; mescolate i tuorli con lo zucchero fino a formare un composto chiaro e spumoso. Usate una planetaria, un robot o il classico frullino.

-Mentre mescolate aggiungete a filo il cioccolato fuso. Mettete da parte questo composto.

-Montate a neve non troppo ferma gli albumi e senza smontarli, con movimenti dall’alto verso il basso, aggiungeteli a mano in tre volte al composto di cioccolato (può risultare molto denso, ma non scoraggiatevi e con calma mescolate bene gli albumi; avrete poi un braccio di ferro).

-Stendete il composto così ottenuto su una teglia da biscotti ricoperta di carta da forno.

-Cuocete per 13-15 minuti non di più.

Per la ganache:

-Scaldate sul fuoco la panna senza portare ad ebollizione; aggiungete il cioccolato al latte in pezzi e fate sciogliere bene; aggiungete la pasta di nocciole e amalgamatela molto bene.

-Fate raffreddare; mettete in frigo per mezz’ora e poi montate bene il composto.

Come montare il dolce:

-Seguite alla lettera queste istruzioni per la buona riuscita dell’arrotolamento!

-Sfornate il dolce ponendo un secondo foglio di carta da forno sul dolce caldo e lasciate raffreddare.

-Quando si sarà raffreddato, togliete il foglio di carta da forno superiore e riutilizzatelo dalla parte su cui non era appoggiato il dolce; spolveratela di cacao e zucchero a velo.

-Girate il dolce sulla parte di zucchero e cacao; se volete fatevi aiutare.

-Ora avete il dolce coperto con il foglio sul quale è stato cotto e levatelo delicatamente; se volete pareggiate raddrizzate i bordi.

-Farcite con la ganache partendo a due cm dal bordo.

-Con l’aiuto della carta cominciate ad arrotolare: il primo giro deve essere molto stretto affinchè il dolce si arrotoli bene su se stesso; se si rompe qua e là non vi preoccupate.

-Tenete la carta stretta sul dolce e ricoprite con un foglio di alluminio  in modo da mantenere bene la forma.

-Mettete in frigorifero una notte a raffreddare.

-Al momento di servire togliete la carta.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Pasticceria

Frolla fondente al cioccolato

Sabato scorso io e mio marito abbiamo fatto una delle nostre serate a casa con tutti gli amici: eravamo 20 persone e io ho cucinato per tutti! Ho sfornato pizze di diversi gusti e con diversi impasti: bianca con patate e salsiccia, rossa con salsiccia e radicchio trevigiano tardivo, bianca con pesto di rucola (homemade preparato il giorno stesso), scamorza affumicata e rucola fresca, bianca con sale grosso aglio e rosmarino fresco (perfetta con la mortadella!!) e la classica margherita.

Ho provato per la prima volta ad utilizzare la farina di farro, il semolato semintegrale senatore cappelli, il lievito madre di farro e il malto d’orzo (ho utilizzato questi ingredienti in diversi impasti mescolati con altre farine) : la pizza è venuta una bomba!!!! Avanti con le farine speciali che io adoro e prediligo!

La ricetta che vi propongo è quella della torta preparata appositamente per questa serata; una torta che fa addolcire chiunque e convince anche chi non ama i dolci. Si scioglie in bocca e pervade di un intenso sapore di cioccolato che riscalda l’anima e fa sentire appagati. Insomma…una torta…”terapeutica” 😀

crostata cacao1 copia

crostata cacao2

La ricetta della frolla è quella utilizzata qui, ma con dosi raddoppiate e l’aggiunta di 60 gr di cacao amaro. Con queste dosi riuscirete a servire 20 fette non troppo grandi (uno stampo da 28 cm).

La crema pasticcera l’ho preparata con questi ingredienti:

250 mL di latte parzialmente scremato

250 mL di panna

una bacca di vaniglia

5 tuorli

60 gr di farina

60 gr di zucchero

200 gr di cioccolato fondente

PROCEDIMENTO

-Tagliate a pezzi il cioccolato e mettetelo da parte: così sarà più facile scioglierlo.

-Scaldare il latte con la panna, ma non portate ad ebollizione; unite la bacca di vaniglia aperta e raschiata.

-I semini di vaniglia uniteli ai tuorli che avrete messo in planetaria, in un robot o in una terrina (se usate il frullino); aggiungete anche lo zucchero e la farina. Montate non troppo; il composto dovrà risultare liscio, lucido, chiaro e ben amalgamato.

-Togliete dal fuoco il latte con la panna e aggiungete il composto di uova mescolando con una frusta. Rimettete sul fuoco e portate lentamente ad ebollizione mescolando molto spesso per non creare grumi ed evitare che bruci la crema (mettete la pentola sul fuoco più piccolo).

– Una volta pronta fatela raffreddare un pò e mettetela nello stampo dove avrete messo la frolla (ricordate di bucherellarla).

Cuocete la torta per 30-35 (a seconda del vostro forno) minuti a 180°C.

Lasciatela raffreddare; sformatela e mettetela su un bel piatto da portata oppure su una alzata elegante o country chic.

Godetevela!!!!!

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Colazione/Merenda · Pasticceria

Facile, veloce, buonissima: torta variegata

Ieri sera appena tornata dal mio pomeriggio passato in laboratorio davanti a provette e reagenti ho deciso di rilassarmi facendo questa torta semplicissima, ma buonissima. E’ una torta che mi ricorda l’infanzia perchè mia mamma me la preparava spesso per poterla mangiare a colazione o a merenda.

La adoravo e la adoro ancora oggi!

E’ l’ideale per le mamme che vanno di fretta, ma non rinunciano al cibo sano per i loro bambini; tra l’altro gli ingredienti  si trovano in qualsiasi dispensa e frigo.

INGREDIENTI.

130 gr di zucchero a velo

100 gr di farina

100 gr di burro

50 gr di fecola

3 uova

30 gr di cacao amaro

un pizzico di sale

una bustina di lievito

zucchero a velo per guarnire

PROCEDIMENTO

-Lavorate a crema il burro con lo zucchero a velo.

-Aggiungete un tuorlo alla volta sempre mescolando e tenete da parte gli albumi.

-Aggiungete un pò alla volta la farina, il lievito e la fecola setacciati e mescolate bene. Il composto risulterà denso e corposo.

-Montate a neve gli albumi e aggiungeteli gradualmente al composto con movimento dall’alto verso il basso.

-Dividere l’impasto in due e su uno aggiungere il cacao.

-Ricoprite uno stampo rotondo o da plumcake con la carta da forno e posizionare prima l’impasto chiaro e poi quello scuro; con la spatola mescolare leggermente i due composti.

-Infornare per 15-20 minuti ( controllate con la prova dello stecchino) in forno già caldo a 180°C.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Pasticceria · Ricette vegetariane

Ricetta vegan: Gateau vegano di cioccolato

Cari amici e amiche prima di tutto vorrei chiedere a tutti di aiutarmi e di cliccare mi piace sotto la mia ricetta nella pagina Facebook de ” La mia cucina vegetariana”; in questo modo potrete aiutarmi a vincere! 😀 Vi lascio il link e per cliccare “mi piace” sotto la mia ricetta dovete prima cliccare mi piace alla pagina della rivista! Ringrazio tutti in anticipo per l’aiuto e speriamo di vincere! Ah così troverete anche la foto del dolce finito. 

ATTENZIONE: appena riesco carico le foto! WordPress non mi permette da ieri di caricare nessuna foto! 😦 Intanto vi lascio almeno la ricetta!

Chi ha detto che i dolci vegani non sono buoni??Che i vegani mangiano solo cibo insapore e stopposo?? Ebbene, io voglio farvi ricredere condividendo la ricetta di questo dolce vegano al cioccolato che soddisferà ogni palato! E’ un dolce ottimo con un thè oppure come fine pasto accompagnato da panna montata; è semplice da fare e si conserva in frigo fino a due giorni.

Ho trovato la ricetta in un libro che si mangia con gli occhi perchè contiene ricette dolci che fanno venire l’acquolina in bocca e in più c’è una sezione molto ben fatta sulle torte decorate in cui spiega come utilizzare il fondant e come decorare. Il titolo è “Dolci e come decorarli” di Angela Nilsen e Sarah Maxwell.

Ho leggermete modificato le dosi dello zucchero sia nell’impasto che nel fudge perchè non volevo fossero troppi dolci e che il sapore del cacao sparisse.

La versione non vegana ( per coloro che non ho convinto) prevede di sostituire i cucchiai di olio di semi di girasole con circa 7 cucchiai di latte e la margarina del fudge con il burro.

 INGREDIENTI (8-10 PORZIONI)

Per la torta:

300 gr di farina autolievitante

50 gr di cacao in polvere

3 cucchiaini di polvere lievitante

150 gr di zucchero semolato

una bacca di vaniglia

9 cucchiai di olio di semi di girasole

350 ml di acqua

25 gr di granella di nocciole per decorare

Per il fudge al cioccolato:

50 gr di margarina vegetale

3 cucchiai di acqua

150 gr di zucchero a velo

2 cucchiai di cacao in polvere

PROCEDIMENTO.

Per la torta:

– preriscaldate il forno a 170°C; ungete una teglia rotonda alta del diametro di 20 cm e cospargete di farina in modo da non far attaccare la torta in cottura.

-Nella planetaria setacciate la farina, il cacao in polvere e la polvere lievitante; aggiungete lo zucchero semolato, la vaniglia e mescolate a velocità bassissima altrimenti vi ritroverete la cucina piena di farina!

-Aggiungete gradualmente alle farine l’olio di girasole e l’acqua per rendere morbido il composto; risulterà molto morbido quindi non spaventatevi, non state sbagliano.

-Versate l’impasto nella teglia e infornare per 45 minuti circa; a cottura ultimata lasciate raffreddare nella teglia per 5 minuti e poi trasferite la torta su una gratella e lasciate raffreddare completamente.

Per il fudge al cioccolato:

– mettete la margarina e l’acqua in un pentolino e sciogliete a fuoco lento. Rimuovete dal fuoco e aggiungete lo zucchero a velo setacciato e il cacao in polvere. Sbattete fino ad ottenere un impasto morbido e dal colore brillante.

– Il fudge vi servirà per farcire il vostro dolce.

Completamento del dolce:

-Tagliate la torta in due dischi  e mettete lo strato inferiore della torta su un disco sottotorta e spalmate con una parte del fudge.

-Coprite con l’altra metà della torta e riempite una sac a poche con beccuccio; decorate la torta e ricoprite con la granella di nocciole.

Con questo dolce partecipo al contest della rivista: “La mia cucina vegetariana” che trovate su Facebook.

Buona cucina a tutti!

Julia C.