Antipasti · Ricette vegetariane · Secondi piatti

Involtini vegetariani su letto di pomodorini infornati

Vi presento una ricetta davvero squisita e di facile realizzazione; una ricetta vegetariana ideale come antipasto se servita, ad esempio, in ciotoline monoporzione oppure come secondo piatto servendo almeno 4 involtini per persona. Le mie dosi sono per due persone e l’abbiamo mangiata come secondo piatto. Un piatto semplice, con pochi ingredienti che potete realizzare anche con avanzi del giorno prima ( ad esempio se vi sono avanzate melanzane grigliate dalla sera prima).

melanzane1

INGREDIENTI (PER DUE PERSONE)

8 fette di melanzane grigliate ( vanno bene sia quelle oblunghe che lunghe)

20 pomodorini ciliegino

origano secco a piacere

3 rametti di origano fresco

4 fette di taleggio

32 olive taggiasche

8 fili di erba cipollina

30 gr di parmigiano reggiano

sale e pepe a piacere

olio EVO qb

PROCEDIMENTO

-Accendete il forno a 200°C ventilato.

-Lavate e tagliate a metà i pomodorini ciliegino. Disponeteli in una pirofila (della forma che più vi piace; io l’ho usata rotonda) con la parte interna rivolta verso l’alto. Condite con olio EVO, sale, pepe e le foglie di origano fresco. Infornate per 20 minuti.

-Nel frattempo preparate gli involtini come segue: condite una fetta di melanzana con olio EVO, origano secco, sale e pepe. Disponete mezza fetta di taleggio e 4 olive taggiasche tagliate a metà. Avvolgete e formate un involtino. Chiudete con con un filo di erba cipollina. Procedete così fino alla fine degli ingredienti.

-Togliete i pomodorini dal forno; disponete gli involtini sopra i pomodorini. Cospargete con il parmigiano e infornate. Abbassate a 190°C. Cuocete fino a gratinatura (circa 15-20 minuti).

-Servite caldo.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Annunci
Antipasti · Ricette vegetariane · Secondi piatti

Fiori di zucca in crosta di patate

Finalmente anche i fiori di zucca sono tornati nella mia cucina; sono una delle cose che preferisco e cerco di inventarmi sempre nuove ricette con cui utilizzarli.

Questa ricetta è speciale e inventata in 5 minuti ieri mattina quando ho visto che il fidanzato mi aveva comprato patate e scamorza affumicata. Ho utilizzato tre semplici ingredienti ed il risultato è stato da favola! Si presta bene come antipasto in piccole porzioni, ma anche come secondo piatto.

Peccato che sia finito tutto subito…

foto1 foto2 foto3

INGREDIENTI (PER 4 PERSONE)

2 patate rosse medie

20 fiori di zucca

mezza scamorza affumicata (prendete quella intera a forma di maialino)

rametti di timo fresco

sale e olio qb

PROCEDIMENTO

-Pelate le patate, lavatele e tagliatele a chips. Mettetele da parte immerse in acqua fredda.

-Togliete l’estremità dei fiori di zucca e la parte interna centrale. Lavateli bene e asciugateli delicatamente con un panno da cucina.

-Accendete il forno  impostato a 190° ventilato.

-Tagliate a fette sottili la scamorza e mettetela da parte.

-Togliete le patate dall’acqua e asciugatele; prendete una pirofila rotonda e procedete come segue: uno strato di patate, sale e olio a piacere, uno strato di scamorza, fiori di zucca, sale e olio a piacere, scamorza, patate, sale e olio evo e infine i rametti di timo fresco.

-Mettete in forno caldo per almeno 25 minuti o fino a quando le patte saranno belle dorate e croccanti.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Antipasti · Secondi piatti

Panino di mozzarella fiordilatte

Dopo una lunghisssssima assenza, come mai era capitato in questo anno e poco più d blog torno con una ricetta semplicissima e velocissima da realizzare. In soli 10 minuti e con pochi economici ingredienti avrete un piatto sano, gustoso e vegetariano. L’unico strumento che vi serve è un coppapasta rotondo del diametro di 10-12 centimetri. Io, il giorno che ho realizzato questa ricetta avevo 40 minuti di tempo per mangiare e quindi non ho mangiato altro, ma potete accompagnare insieme a questo piatto una fetta di pane caldo ben abbrustolito su una griglia o una bella insalata mista o ciò che più vi piace, ma soprattutto ciò che avete in frigo al momento di mangiare. Per me ora va così: alla giornata e molto spesso pubblicherò ricette semplici e veloci da preparare, ma non per questo tristi e prive di sapore!Anzi.. 😀 Seguitemi e non ve ne pentirete.

2

1

 

INGREDIENTI PER 1 PERSONA

un nodino di mozzarella fiordilatte di Andria (speciale!!!!)

10-12 pomodorini datterini

due cucchiaini di tapenade di olive nere (per dare una sferzata al piatto)

origano qb

sale e olio EVO qb

PROCEDIMENTO

-Ponete al centro del piatto il coppapasta.

-Tagliate a rondelle il nodino e strizzatelo un pò in modo da far uscire un pò d’acqua.

-Lavate e tagliate i pomodorini a rondelle.

-Componete il piatto come segue: uno strato di mozzarella, un filo d’olio EVO, un cucchiaino di tapenade di olive nere, pomodorini a rondelle, sale, olio EVO e origano. Continuate fino alla fine degli ingredienti i e completate con origano e un filo d’olio EVO. Dovrebbero venire due strati di mozzarella e due di pomodorini. Togliete delicatamente il coppapasta in modo da mantenere bene la forma rotonda.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Secondi piatti

Millefoglie di salmone, carciofi e chips di patate

DSC_1423

La presentazione elegante di questo piatto inganna sulla sua esecuzione, che invece è molto semplice!

E’ una ricetta che può essere preparata al momento, ma io l’ho realizzata come ricetta di recupero perchè avevo del salmone cotto avanzato dalla sera prima e volevo mangiarlo in un modo un pò diverso dal solito. Gli ingredienti sono molto semplici e insieme stanno benissimo: patate e carciofi è un abbinamento classico ( provate una teglia di patate e carciofi come contorno, sentirete che bontà); il salmone con patate e carciofi sta benissimo e i sapori non si confondono. Io ho aggiunto una nota di gusto in più con le erbe provenzali. Il salmone può essere cotto in vari modi (al forno, in padella, al vapore; io per esempio l’ho cotto in padella) l’importante è che sia molto naturale e il gusto non sia coperto da altro perchè sarà il resto degli ingredienti a conferire sapore e colore al piatto.

La parte migliore del salmone per prealizzare questo piatto e la coda che non ha spine ed è quindi più semplice da lavorare, ma anche da mangiare.

Per la realizzazione della presentazione del piatto ho utilizzato un semplice coppapasta.

INGREDIENTI (PER 2 PERSONE)

mezza coda di salmone fresco

due patate medie da forno

2 carciofi medi

due fette di limone

un cucchiaio di succo di limone

sale e pepe qb

erbe provenzali a piacere

olio EVO qb

due spicchi d’aglio

PROCEDIEMNTO

-Lavate bene la coda di salmone e mettetela da parte.

-In una padella mettete un pò d’olio EVO, le fette di limone e lo spicchio d’aglio schiacciato. Fate appena soffriggere l’aglio e aggiungete il salmone. A questo punto cospargete il salmone con il succo di limone e regolate di sale e pepe. Cuocete con coperchio a fuoco basso. In questo modo avrà una cottura lenta e tutti i vapori resteranno all’interno della pentola rendendo la carne del pesce morbida e umida.

-Mentre cuoce il salmone lavate e pelate le patate; tagliatele a rondelle nel senso della lunghezza e fatele cuocere in padella, a cui avrete aggiunto un pò d’olio d’oliva, a fuoco medio. Regolate di sale e pepe e aggiungete le erbe provenzali;  fate cuocere da entrambi i lati fino a che risulteranno croccanti. La cosa importante è che le patate non si sovrappongano l’una all’altra dentro la padella; se serve cuocetele in più volte. In questo modo avrete patate croccanti e dorate in modo uniforme.

-Tagliate a metà le corolle dei carciofi ( non usate i gambi; potrete utilizzarli in una zuppa con patate, carote, broccolo, porro) e togliete la barba interna. Tagliateli a fettine sottilissime e mettetele subito in acqua e limone in modo che non anneriscano. In una padella mettete un pò d’olio e uno spicchio d’aglio schiacciato, fate appena soffriggere e aggiungete i carciofi tagliati e scolati. regolate di sale e pepe. Fate cuocere a fuoco medio e mescolando spesso per circa 10 minuti. Dovranno risultare cotti, ma croccanti.

-Montate il piatto come segue: mettete al centro del piatto scelto il coppapasta ( scegliete un diametro intermedio) e procedete a strati; patet. carciofi, salmone, carciofi e patate; fate un solo strato con il salmone; completate il piatto con un filo d’olio EVO e una spolverata di erbe provenzali.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Pizza, pane e co.

La pizza in teglia di casa mia

La pizza è per me un altro confort food perchè ho ricordi di bambina di quando guardavo la mia mamma preparare la pizza in casa e del magnifico profumo che usciva dal forno mentre cuoceva. Ho imparato da lei e ancora adesso nell’era delle planetarie e delle macchine impastatrici, io la impasto a mano perchè adoro farlo e penso che in questo modo la pizza abbia un altro sapore: molto più… casalingo!

Ho provato tantissime farine, tatni tipi diversi di lievito, ma ho abbandonato completamente quello di birra perchè risulta più pesante, la lievitazione non è la stessa e la resa è minore rispetto al lievito che utilizzo ora: il lievito madre biologico in polvere di kamut o di frumento dell’Antico molino rosso ( andate sul loro sito e scoprite le meravigliose farine che commercializzano).

Recentemente guardando il programma di Alice, Pane amore e fantasia con Sara Papa ho scoperto la farina Petra e nella mia città ho trovato  un negozietto che vende i pacchi da un chilo; io ho utilizzato la farina apposta per pizza. la Petra 3. Vi assicuro che è di qualità esattamente come descritto da Sara Papa. Consigliatissima! La pizza diventa soffice, ma croccante all’esterno.

Io, inoltre, non faccio un impasto sodo e liscio, ma lo lascio leggermete più morbido e appiccicoso perchè secondo me la pizza viene meglio! Più morbida e più ariosa all’interno.

Qui vi consiglio tre impasti diversi ( di cui uno consigliato direttamente da Petra) che potete farcire come più vi piace. Quelli che secondo me rendono al meglio e valorizzano la pasta della pizza sono:

-margherita;

-pomodorini ciliegino tagliati piccoli, sale, origano e olio EVO;

-bianca con sale grosso, olio EVO e rosmarino.

DSC_1408 DSC_1412

Impasto 1 per 1 kg di farina:

-400 gr di farina 0 Antico Molino rosso

-400 gr di farina manitoba Antico Molino rosso

-200 gr di semola rimacinata di grano duro

-700 ml di acqua

-30 gr di olio EVO

-15 gr di sale

-40 gr di lievito madre di kamut in polvere Antico molino rosso

Impasto 2 per 1 kg di farina ( impasto Petra leggermente modificato):

-1 kg di farina Petra 3

-30 gr di olio EVO

-15 gr di sale

-650 ml di acqua

-40 gr di lievito madre di frumento in polvere Antico molino rosso

Impasto 3 per 1 kg di farina:

-500 gr di farina Petra 3

-500 gr di farina manitoba Antico molino rosso

-40 gr di lievito madre di frumento in polvere Antico molino rosso

-700 ml di acqua

-30 gr di olio EVO

-15 gr di sale

PROCEDIMENTO.

E’ il medesimo per tutti e tre gli impasti:

– mettete la farina pesata in una ciotola insieme al lievito e mescolate bene con un cucchiaio; il lievito deve amalgamrsi per bene. Aggiungete il sale e mescolate. Infine aggiungete l’olio EVO e l’acqua. Impastate per 10 minuti circa incorporando aria e portando verso l’interno i lembi di pasta. In alternativa usate la planetaria con il gancio.

-Fate lievitare almeno 12 ore; in alternativa fate la pizza la sera prima, mettetela in frigo e il giorno dopo alla mattina tiratela fuori così avrà il tempo di tornare a temperatura ambiente e di lievitare ancora.

-Quando sarà lievitata ricate tre panetti dall’impasto e stendeteli, ungendovi bene le mani di olio, uno alla volta. Farcite a piacere.

– Accendete il forno al massimo della temperatura e cuocete nella parte bassa.

-Servite la pizza caldissima e gustatevela! E’ una cosa strepitosa!

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Antipasti · Secondi piatti

Trionfo di polentina gialla, sfoglia di bufala e porcini freschi

Una ricetta davvero gustosa che sembra difficile da realizzare, ma non lo è per nulla; anzi è una ricetta di recupero perchè viene essere preparata con la polenta avanzata.

L’ho preparata un pò di mesi fa quando ancora i porcini erano di stagione e trionfavano sui banchi dei fruttivendoli; io li adoro e ne prendo sempre in più per averne una scorta in congelatore. Per conservare al meglio la loro freschezza anche da scongelati bisogna congelarli crudi, lavati e tagliati come più si gradisce.

Anche su come si lavano i porcini c’è qualcosa da dire: il corretto lavaggio dei funghi prevede l’utilizzo di carta assorbente bagnata e con tanta pazienza devono essere letteralmente spolverati dal terriccio e da altri residui di sporco. Successivamente si possono tagliare a metà per controllare se vi sono vermi e se vi sono si mettono sotto sale a secco ( non in acqua altrimenti diventano molli e si sfaldano con facilità).

Come ultimi passaggi o li tagliate a piccoli pezzi e li fate saltare in padella con olio e aglio e alla fine aggiungete una generosa spolverata di prezzemolo fresco ( freschissimo perchè così sprigiona tutto il suo sapore che si sposa benissimo con i porcini), oppure li tagliate a pezzi e li mettete in un sacchetto in congelatore. Io adopero entrambe le soluzioni 😀

Questa ricetta è uno sfizioso ed elegante antipasto con cui sicuramente stupirete i vostri ospiti oppure in quantità maggiore può anche essere un ottimo secondo piatto.

DSC_1292

DSC_1296

DSC_1307

DSC_1298

 

Con questa ricetta partecipo al contest di Cappuccino e Cornetto e La Tramontina ” Sua maestà la mozzarella di bufala” nella categoria secondi piatti:

Contest-La-Tramontina-def

INGREDIENTE PER DUE PERSONE

– 6 fette sottili di polenta gialla mais fioretto del giorno prima

– una mozzarella di bufala freschissima

–  250 gr di porcini freschi tagliati a pezzi

– prezzemolo fresco tritato a piacere

-sale, pepe e olio EVO qb

-uno spicchio d’aglio

PROCEDIMENTO.

-Grigliate le fette di polenta in modo che diventino croccanti.

-Tagliate in 6 fette la mozzarella di bufala.

-Cuocete i porcini in una padella dove avrete fatto rosolare l’aglio in un pò d’olio a piacere; fate cucoere per 5-10 minuti massimo a fuoco medio. Salate e pepate a piacere; aggiungete il prezzemolo tritato.

Come montare il piatto:

-disponete al centro del piatto una fetta di polenta seguita da un fetta di mozzarella di bufala e poi dai porcini ( un cucchiaio abbondante); procedete fino alla fine degli ingredienti; guarni te il piatto con prezzemolo tritato e un filo d’olio EVO.

-Servite caldo.

Come fare la polenta:

-fate scaldare 500 ml di acqua nella calliera di rame e portate a bollore; a queso punto salate l’acqua con sale grosso e immergete a pioggia la farina di mais giallo fioretto e mescolate energicamente con una frusta; successivamente mescolate spesso e fate cuocere per 35-40 minuti.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Antipasti · Secondi piatti

Millefoglie di bufala

Rieccomi, finalmente, con una nuova ricetta…ma non sarà l’unica perchè nonostante la mia mancanza al blog, non ho smesso di cucinare e presto condividerò con tutti voi le mie creazioni. Ho in porto un nuovo progetto, una nuova esperienza e una nuova sfida! Ve ne parlerò in seguito perchè sto “progettando” 😀

Questa ricetta è buonissima e pur avendo ingredienti semplici fa molto effetto per la sua presentazione e per l’insieme di sapori. Può essere presentata come antipasto o come secondo piatto: a voi la scelta!

INGREDIENTI (PER 2 PERSONE)

una mozzarella di bufala freschissima da 250 gr

un cetriolo medio

1/4 di cipolla di tropea

15 olive taggiasche

un cucchiaio di capperi

15 pomodorini datterino

6 foglie di basilico fresco

sale e pepe bianco qb

olio EVO qb

PROCEDIMENTO.

-Tirate fuori dal frigorifero la mozzarella di bufala circa 2-3 ore prima di comporre la ricetta. Tagliatela in 8 fette e mettetele in uno scolapasta a sgocciolare.

-Pelate e tagliate a dadini il cetriolo; tritate la cipolla di tropea e fatela soffriggere in una padella con dell’olio.

-Aggiungete il cetriolo alla cipolla e saltate per due- tre minuti. Togliete dal fuoco.

-Lavate e tagliate a dadini i pomodorini e aggiungeteli ai cetrioli; tritate grossolanamente le olive e in capperi e aggiungeteli al resto.

-Fate insaporire a fuoco vivo per due minuti; togliete dal fuoco, salate e pepate a piacere. Aggiungete anche le foglie di basilico e mescolate.

-Posizionate nel piatto, che avete scelto per servire, una fetta di mozzarella e mettetevi sopra un pò di condimento; coprite con un’altra fetta di mozzarella e mettete altro condimento; procedete così per creare una “millefoglie” e mettete 4 fette di mozzarella per ogni piatto.

-Finite con un ciuffo di basilico per decorare e un filo d’olio EVO.

-Servite a temperatura ambiente.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Antipasti · Ricette vegetariane · Secondi piatti

Fiori di zucca al forno con ricotta

Vi lascio una ricetta vegetariana semplice e veloce da eseguire; una ricetta gustosa che può essere proposta come antipasto o come secondo in qualsiasi occasione.

INGREDIENTI ( PER 2 PERSONE)

8 fiori di zucca

200 gr di ricotta ( ancora meglio se di bufala, avrete un risultato ancora più gustoso e raffinato)

100 gr di scamorza fresca tagliata a fettine

tre zucchinette

olio EVO qb

sale e pepe qb

PROCEDIMENTO.

-Preriscaldate il forno a 180° C.

-Lavate e tagliate a rondelle sottili le zucchinette.

-Lavate i fiori di zucca e togliete il pistillo giallo interno.

-Riempite i fiori con la ricotta e disponeteli in una pirofila precedentemente unta con un filo d’olio EVO.  Aggingete anche le zucchinette a rondelle. Condite con sale e pepe a piacere e disponete sopra ai fiori le fettine di scamorza.

-In forno fino a doratura della scamorza.

-Servite caldo.

Buona cucina a tutti! Julia C.

Ricette di base · Secondi piatti

Inventarsi un piatto utilizzando quello che c’è in casa: filetto di salmone con chips croccanti di patate e broccoletti conditi con emulsione di balsamico

Quante volte avete aperto il frigo e siete stati li a guardarlo pensando: cosa preparo? Io ieri ho fatto proprio così e poi ho avuto l’illuminazione! Mi sono ricordata di avere del salmone in frizzer e l’ho fatto scongelare per la sera: se vi piace il pesce tenetene sempre in frizzer perchè è una valida soluzione per un pasto ricco e sano ( non smetterò mai di ripetere questa parola…eh eh).

Non è vero che è difficile cucinare il pesce, basta vere piccoli accorgimenti, non cimentarsi in cose complicate e lasciare i sapori più naturali possibili. Io adoro il salmone, il branzino, l’orata, il rombo ( vi svelerò poi una ricetta per esaltarlo al meglio) e nel mio menu sono vietati i pesci surrogato tipo il pangasio; cerco sempre di andare dal pescivendolo nella speranza e fiducia di avere un prodotto fresco, sicuro e selezionato ( io per esempio ho speso circa 9 euro per due filetti di salmone del peso totale di 890 gr e ci si mangia due volte in due). Quando non ho tempo ammetto che vado anche al supermercato, ma non c’è niente da fare il pesce ha un altro gusto rispetto a quello della pescheria! I pesci che ho citato vanno tutti in frizzer senza problemi, ma non mettete i crostacei e i molluschi: vanno mangiati subito appena comprati e anche se li mangiate il giorno dopo toglieteli dalla confezione e conservateli in frigo in in un piatto/contenitore coperti con l’alluminio; in questo modo conserveranno bene la loro freschezza.

Con questa ricetta che vi propongo avrete un pasto completo, sfizioso, di facile preparazione e tutto sommato economico! La cottura del salmone è al cartoccio che lo mantiene morbido e succoso!

INGREDIENTI ( PER 2 PERSONE).

un filetto di salmone di circa 600 gr

2 patate medie da taglio ( non quelle da far lesse che sono più farinose)

un broccolo medio

sale, pepe e olio evo qb

aceto balsamico o anche crema di aceto balsamico

erbe aromatiche a piacere ( io ho usato erbe provenzali per il pesce e salvia e timo per le patate)

3 spicchi d’aglio

PROCEDIMENTO.

-Lavare il salmone sotto acqua corrente e riporlo sulla carta da forno; condirlo con olio, erbe aromatiche, sale,pepe e uno spicchio d’aglio schiacciato; formare il cartoccio, riporre in una teglia/ pirofila e mettere in forno già caldo a 200°; far cuocere 25-30 minuti a seconda della grandezza del vostro salmone.

-Pelare le patate, lavarle sotto acqua corrente e tagliarle sottilmente a forma di chips; riporle in una teglia da forno e condirle con olio, sale grosso, pepe, salvia, timo e due spicchi d’aglio; mettere nel forno 200° già caldo e cuocere per 15 minuti; comunque dovete tirarle fuori fuori dal forno quando saranno belle croccanti e dorate.

-Prendete il broccolo e tagliate a livello di ogni alberello, lavatelo e mettete a cuocerlo al vapore; tenetelo al dente perchè in questo modo il sapore sarà esaltato e il colore sarà di un bel verde intenso.

-Fate l’emulsione di aceto balsamico con olio, sale, pepe e aceto balsamico, oppure se l’avete utilizzate direttamente la crema di aceto.

-Impiattate.

Buona cucina a tutti!

Julia C.