Contorni · Ricette vegetariane

Ricetta vegan: Asparagi verdi al forno profumati al timo e limone

Aria di novità nel blog! Un nuovo look in rosa country chic: quanto lo adoro questo stile!!! Mi ricorda la campagna e le vecchie cucine in cui le nonne cucinavano per un reggimento e sembravano comunque appena uscite dal parrucchiere!!!! In particolare la mia nonna è un portento in cucina: le si dà in mano qualcosa, qualsiasi ingrediente e tira fuori un capolavoro culinario!! Aaaahhh…il potere delle nonne…non si può replicare. Io ho ricordi indelebili dei suoi manicaretti e dei profumi che uscivano dal suo cucinino striminzito.

Con la mente ai ricordi di bambina vi propongo questa ricetta facilissima e originale, direi un salva contorno anche in una cena all’ultimo minuto: stupirete i vostri commensali perchè è inusuale mangiare gli asparagi al forno. Di solito si mangiano bolliti o al massimo spadellati.

Gli asparagi sono per me una droga in primavera e li cucino in tutti i modi possibili; sono un alimento preziosissimo e valido aiutante nell’alimentazione: sono infatti poverissimi di calorie, hanno molta fibra, vitamina C, carotenoidi, che hanno un’azione antiossidante e protettiva della pelle,vitamina B e sali minerali, tra i quali calcio, fosforo e potassio. Sono inoltre depurativi e diuretici. Quando acquistate gli asparagi fate attenzione alla loro freschezza: devono essere duri, quindi non piegarsi ma spezzarsi; non devono apparire legnosi (vuol dire che sono vecchi) e di colore spento, e verificate che quelli che si trovano al centro del mazzo siano ancora integri e non presentino un inizio di marcescenza. (Fonte: Riza)

asparagi composizione

INGREDIENTI

asparagi verdi

qualche goccia di limone

una fetta intera di limone

3-4 rametti di timo fresco (perfetto con gli asparagi verdi)

olio EVO

sale e pepe qb

asparagi1

PROCEDIMENTO

-Lavate bene gli asparagi sotto l’acqua corrente; togliete la parte finale più legnosa e dura; pelateli e tagliateli a metà nel senso della lunghezza.

-Prendete una placca da forno e metteteci un foglio di carta da forno; adagiatevi sopra gli asparagi e conditeli a piacere con olio EVO, sale, pepe, foglie di timo fresco, i rametti di timo, qualche goccia di limone e la fetta di limone tagliata in 4.

-Chiudete la carta da forno in un cartoccio e cuocete in forno per 15-20 minuti a 190°C.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Annunci
Antipasti · Ricette vegetariane

La ratatouille di verdure grigliate si fa chic

Un piatto davvero molto semplice da realizzare con verdure che offre questa stagione splendida ( anche se nell’ultimo mese ci ha regalato taaanta pioggia e vento) piena di colori, profumi e sapori.

Un antipasto fresco, leggero e pronto in poco tempo; per questa ricetta non ci sono altre parole da scrivere. Provate a mangiare insieme la ratatouille con lo stracchino alle erbe aromatiche e sentirete che bontà: i sapori si sposano benissimo insieme!

DSC_1557 copia copia

DSC_1558 copia copia

DSC_1559 copia copia

 

INGREDIENTI (PER 2 PERSONE)

1 peperone giallo

1 melanzana lunga

20 pomodorini ciliegino

1 stracchino da 50 gr

origano e timo fresco a piacere

sale e olio EVO qb

PROCEDIMENTO

-Lavate tutte le verdure e le erbe aromatiche.

-Tritate insieme l’origano e timo fresco e mettete da parte. Potete farlo con una mezzaluna.

-Tagliate le estremità alla melanzana e affettatela nel senso delle lunghezza. Fette spesse 1 cm circa.

-Togliete la parte con il picciolo al peperone, i semi e i fili interni. Tagliate a pezzi grossolani.

-Grigliate melanzane e peperone su una griglia ben calda.

-Nel frattempo tagliate a pezzetti regolari (la brunoise, ossia a quadretti piccoli e tutti uguali) i pomodorini e poi strizzateli bene. Conditeli con olio, sale e il trito di origano e timo (tenendone un pò da parte). Lasciateli riposare in modo che si insaporiscano bene.

-Quando le verdure saranno bene grigliate toglietele dal fuoco e tagliate a pezzetti piccoli tipo brunoise.

-Unite le verdure ai pomodorini, aggiustate di sale e olio. Mescolate bene.

-Schiacciate bene lo stracchino e e unite il trito di origano e timo avanzato. Mescolate bene insieme a due cucchiai di olio EVO.

Come comporre il piatto:

avete bisogno di un copppasta rotondo di 10-12 cm e un sac a poche usa e getta.

Posizionate il coppapasta al centro del piatto e mettete le verdure. Schiacciatele bene in modo che una volta tolto il coppapasta mantengano la forma rotondo. Togliete delicatamente il coppapasta in modo da non far perdere la forma rotonda.

Mettete lo stracchino nel sac a poche e fate dei piccoli ciuffi intorno alle verdure. Servite subito.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Contorni · Ricette vegetariane

Ricetta vegan: Peperoni in olio di timo, origano fresco e erba cipollina

Dovete sapere che il mio fidanzato mi ha regalato un piccolo orticello di erbe aromatiche e io ne vado matta. Uscire in terrazza e raccogliere queste erbette profumate e piene di sapore mi mette allegria!

I peperoni conditi con quest’olio aromatico sono strepitosi! Perfetti anche su una bruschetta di pane caldo, ma anche semplicemente come contorno sfizioso e diverso dal solito; inoltre questi peperoni sono senza buccia e vi svelo il segreto per prepararli!

DSC_1508 copia

DSC_1509 copia

INGREDIENTI PER DUE PERSONE

1 grosso peperone giallo

origano fresco

timo fresco

erba cipollina

olio EVO

sale e pepe

PROCEDIMENTO

-Preparate un piatto da portata con una generosa dose di olio EVO; aggiungete un cucchiaio di origano fresco, uno di timo e uno di erba cipollina tagliuzzata. Lasciate il tutto a riposare.

-Lavate bene il peperone e arrostitelo sulla fiamma del gas. Avete capito bene: lo prendete e lo arrostite fino a farlo diventare nero come la pece!

– Prendete un sacchetto di carta e mettete dentro il peperone arrostito e caldo; lasciatelo dentro per 5-8 minuti.

-Togliete la buccia strofinando il peperone con un tovagliolo umido. Verrà via senza che ve ne accorgete.

-Tagliate a julienne il peperone avendo cura di eliminare i semi e i fili interni.

– Cuoceteli per altri dieci minuti su una griglia ben calda.

-Trasferite i peperoni nel piatto da portata, mescolate delicatamente, fate insaporire per una mezz’ora e poi godetevi questi fantastici peperoni!

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Primi piatti · Ricette vegetariane

Ravioli di patate e asparagi

Finalmente stanno arrivando le verdure di primavera che tanto adoro: asparagi, piselli, fave, agretti e chi più ne ha più ne metta. Cercherò di pubblicare più ricette possibili in modo da aiutarvi a valorizzare al meglio tutte queste splendide e buonissime verdure!

Ringrazio una nota rivista di cucina per questa splendida ricetta che ho provato domenica a pranzo. E’ stata un successo! La condivido con voi perchè vale la pena che la proviate sia con il condimento che vi propongo io sia anche con altri condimenti perchè  questi ravioli hanno un sapore delicato che si sposa bene un pò con tutto. Il più semplice? Burro e salvia! Oppure se lo volete un pò più elaborato potete fare un pesto di piselli e basilico: qui la ricetta.

DSC_1534 copia copia

DSC_1535 copia copia

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

– 300 gr di patate da gnocchi

– 2 tuorli piccoli

– 80 gr di farina più quella per la lavorazione

– mezzo cucchiaio di olio EVO

– 50 gr di burro

– 300 gr di ricotta di capra

– timo fresco

– rosmarino

– erba cipollina

– ricotta affumicata

– 20 punte di asparago verde

– sale e pepe

PROCEDIMENTO

– Schiacciate le patate lessate come se doveste fare un purè e impastatele con farina, tuorli, l’olio e un pizzico di sale. Fate raffreddare la pasta e nel frattempo schiacciate la ricotta di capra con un cucchiaio di erba cipollina e un cucchiaio di timo fresco, pepe e sale.

– Stendete la pasta sul piano di lavoro bene infarinato (prendete alla lettera questa indicazione perchè la pasta risulta un pò appiccicosa); dovrà essere molto sottile

Ritagliatela in lunghi rettangoli e disponete l’impasto di ricotta in modo da avere almeno 4-5 ravioli da ogni rettangolo di pasta. Coprite con altrettanti rettangoli in modo da far aderire bene i bordi. Fate attenzione a far uscire l’aria da ogni raviolo e a far aderire bene i bordi. Tagliateli con un coppapasta di diametro di 10 cm circa. Una volta fatto ciò premete ancora bene i bordi in modo che in cottura non si aprano e esca il ripieno.

– Tagliate a metà in senso longitudinale le punte si asparago e lessatele in acqua bollente salata per tre minuti. Ripassatele in padella  con 50 gr di burro, qualche ago di rosmarino e 1 cucchiaio di timo fresco.

– Cuocete i ravioli in acqua bollente salata a cui avrete precedentemente aggiunto l’acqua in cui avavte cotto gli asparagi.

– Cuociono in un tempo brevissimo: circa due minuti. Scolateli delicatamente nella pentola con il condimento, rigirandoli senza romperli.

-Disponete i ravioli nel piatto e finite con una spolverata generosa di ricotta affumicata.

Buona cucina a tutti!

Julia C.

Primi piatti · Ricette vegetariane

Il mio risotto di Natale

Si avvicina il Natale e le città sono luccicanti, pullulano di gente che cerca il regalo giusto ( e magari anche economico di questi tempi…), di bambini che ingenuamente tirano i genitori verso le piene di fantastici giocattoli all’ultimo grido e gli viene risposto di chiedere a Babbo natale ( io da piccola scrivevo sempre la letterina e la appoggiavo tra i rami dell’albero di Natale che io stessa facevo insieme al mio papà e alla mia mamma), di fidanzate attratte da una bella borsa o un bel paio di scarpe e che dicono al fidanzato: Guarda quanto è bella quella borsa, potresti regalarmela per Natale ( ammetetelo amiche, quante volte ci avete provato?!).

Il Natale non è però solo regali, è un’occasione per ritrovarsi in famiglia e sedersi tutti insieme intorno ad un tavolo a consumare il pranzo preparato dalle mamma, dalle nonne o anche a più mani. E’ un momento di condivisione, di gioia, di risate. E’ uno dei momenti che preferisco perchè l’atmosfera natalizia è unica, ha qualcosa che non so descrivere, ma ai miei occhi rende tutto più bello e speciale. Sarà il cibo che viene preparato, la tavola addobbata e tutte le persone care che si ritrovano… mah…

Ho pensato a questo risotto un pò particolare, ma dagli abbinamenti azzeccati, proprio per il pranzo di Natale. Non è il classico primo piatto molto ricco delle feste, ma è un primo piatto dal gusto non impegnativo, che saprà sorprendervi e che vi farà arrivare alla fine del pranzo senza sentirvi strapieni e straripanti! 😀

Si tratta di un risotto alla zucca con cipolla di tropea, granella di nocciole e timo. Considero questa ricetta molto speciale e per questo ho deciso di partecipare al contest di Natale di “Ti cucino così” : A cena con gli chef sperando di stuzzicare l’appetito degli Chef giudici, ma soprattutto la loro curiosità!

DSC_1391

DSC_1396

INGREDIENTI ( PER 2 PERSONE)

140 gr di riso Carnaroli Sala Cereali

20 nocciole Piemonte IGP

6 rametti di timo fresco

1 litro di brodo vegetale

mezza cipolla di tropea

200 gr di zucca già tagliata

25 gr di burro

20 gr di parmigiano

olio EVO qb

sale qb

PROCEDIMENTO.

-Preparate il brodo vegetale e mantenetelo caldo; in questo modo quando lo aggiungerete al riso in cottura non vi sarò uno sbalzo di temperatura tra il brodo e il riso.

-Prendete la zucca già tagliata e fatela a cubetti; mettetela da parte.

-Tagliate sottilmente la mezza cipolla di tropea e fatela cuocere a fuoco basso in un wok con dell’olio ( circa 3-4 cucchiai). E’ molto importante questo passaggio perchp la cipolla dovrà risultare cotta e non soffritta.

-Aggiungete alla cipolla, la zucca e fate cuocere fino a metà cottura ( 10-15 minuti) a fuoco basso. Salate quanto basta e mescolate ogni tanto.

-Aggiungete alla zucca e alla cipolla, il riso e fatelo tostare a fuoco medio per 2-3 minuti mescolando molto spesso; in questo modo i chicchi saranno ben sigillati e in cottura non si sfalderanno rimanendo integri.

-Sfumate il riso con il brodo vegetale e abbassate la fiamma; mescolate e quando il brodo sarà quasi asciutto aggiungetene un altro pò. Procedete così fino a cottura ultimata ( 15 minuti circa) e mescolate spesso.

-Mentre il riso cuoce tostate le nocciole in una padella antiaderente e fate molta attenzione a non bruciarle; una volta fatto ciò riducetele in granella e mettetele da parte.

-Quando il riso è cotto mantecate con burro e parmigiano.

-Impiattate mettendo un pò di riso in un piatto e decorate con granella di nocciola, foglie di timo fresco e un rametto di timo per ogni piatto; completate con un filo d’olio e servite caldo.

Buona cucina a tutti!

Julia C.